Soldi e senso del potere

Albero dei soldi

Il denaro è sempre stato il rumore di sottofondo nella nostra società, uno dei punti cardine delle nostre giornate, il dolore e la passione di uomini e donne, ciò che è stato capace di distruggere intere famiglie, di guidare i politici corrotti, di trasformare persino l’amore. 

Il dio denaro, capace di far diventare un corretto individuo in una spietata slot-machine, come la carta della Morte dei Tarocchi riesce a smuovere quel lato oscuro sempre presente in tutti noi, la bestia, colei che cambia le vite perché adrenalizza l’ambizione e il senso del potere, ammalia come una potente droga…. 

Nel tema astrale si può studiare la propensione per questa magica attrazione e capire in che modo esso possa agire su noi.

 

Per far ciò, partiamo dall’analisi del rapporto che esiste fra la Seconda Casa, quella classica dei soldi e l’Ottava, opposta alla prima nel cerchio zodiacale. Perché l’Ottava? Primo perché in ogni ecosistema esiste la parte Yang e la parte Yin, la Luce e l’Ombra pertanto non si può vivere la Seconda Casa senza risentire degli effetti della sua speculare. E’ come se si creasse una specie di attrazione degli opposti … Inoltre questa Casa è retta dal dio Plutone, potente dio degli Inferi che brama di possedere Proserpina e si impone con tutta la sua forza interiore. Nel buio del suo mondo di dolore, lui sente di essere invincibile. Così è anche nella nostra realtà perché il possesso di qualcosa porta in sé il germe del dominio assoluto su quella cosa che rende appunto invincibili, sfidando gli altri secondo una crescita lenta, ma ineluttabile, un incanalarsi nel flusso sempre più oscuro del potere economico, senza più via d’uscita.

Ma non è sempre così, fortunatamente. C’è anche chi non si fa accecare dal guadagno facile e rimane al proprio corretto posto!

Vediamo quindi il significato delle varie configurazioni planetarie relative ad entrambi i settori astrologici, il Secondo e l’Ottavo.


 

ASSE Seconda Casa - Ottava Casa

ARIETE

Il soggetto è poco attento al soldo, pur nel desiderio di possederlo, ma non ci si cura più di tanto delle modalità di acquisizione. In genere tende a spendere più di quanto guadagna. La persona è comunque molto generosa e offre il suo patrimonio economico, piccolo o grande che sia senza però aver la capacità di intuire la sincerità delle persone vicine. Per questo va soggetto a perdite proprio legate alla sua ingenuità. Il soggetto tende a far movimentare il proprio denaro. Lo fa usando tecniche incredibili di persuasione perché è un abile diplomatico. Sa come far uscire il denaro, ma desidera averlo per sé, per il proprio benessere psico-fisico e per curare la propria bellezza.

BILANCIA

Le energie sembrano spingere all’equilibrio. Quando manca questo, la persona fluttua alla ricerca insofferente di qualcosa che appaghi. Allora queste energie sembrano monitorare il settore economico perché non sempre c’è attenzione verso il lato materiale della vita. Questa posizione spinge il nativo a ritrovare maggior costanza e a non sperperare il proprio denaro senza un vero e proprio obiettivo. Gestisce con irrequietezza i soldi, vorrebbe poter affidarsi ad un consulente che regolarizzi il flusso, ma sovente si ritrova senza soldi perché spende troppo per la propria immagine.

TORO

Questo asse astrale è quello che più induce alla parsimonia. Il soggetto non si lascia fuorviare dalle pubblicità , dai consigli degli amici, da attrazioni impulsive, ma tiene costantemente a freno i proprio averi al punto tale da sembrare quasi avaro. Se spende lo fa soprattutto per appagare i personali desideri, in maniera egoistica.   Cura molto il suo aspetto fisico ed è proprio in questo settore che non bada a spese.

SCORPIONE

Il senso del possesso è qui alla sua massima potenza. Plutone è nel suo regno e porta avanti il suo profondo desiderio di accumulo beni che si estrinseca sia verso il denaro che verso le persone. In questo caso, crea profondi dissapori in ambito sentimentale provocando, nel partner, senso di soffocamento e ribellione. I suoi problemi sono legati alla confusione interiore e, a volte, alla non capacità di risolvere con serenità di problemi.   Facilmente possono emergere conflitti con parenti proprio a cause economiche.

GEMELLI

Su questo asse, si muovono energie fluttuanti, dispersive che mal si accordano con l’esigenza di far soldi. Il nativo sperpera con amenità, non si fa grossi problemi perché pensa di poter sempre gestire le cose con grande diplomazia e, attraverso la chiacchiera, riesce a convogliare positivamente le energie su di sé al punto da poter spesse volte contare su prestiti e aiuti!

SAGITTARIO

Questa posizione astrale evidenzia una grande scioltezza nel gestire il lato economico. Non si vogliono avere problemi, si vuole spendere per il gusto di farlo, senza limitarsi più di tanto. Le uscite a volte superano le entrate, ma non c’è sofferenza in tutto ciò. Permane la certezza delle proprie capacità e quindi si tende ad una veloce risoluzione delle problematiche.

CANCRO

Dominato dalla Luna, questa posizione mette il nativo in uno stato di incertezza continua sul futuro e lo porta a vivere con ansia il lato economico della vita. Tende quindi ad essere molto attento ad ogni uscita di soldi e a spendere poco e solo per suoi appagamenti personali. Può quindi apparire poco generoso, ma è soprattutto frutto delle sue paure. Sicuramente sarà una persona che terrà un attento rendiconto scritto di ogni movimento ….

CAPRICORNO

Questo segno è freddo, distaccato e vive il lato economico della vita con ansia, alla continua ricerca di lavori che siano appaganti soprattutto da quel punto di vista. L’asse rivela chiusura e poca generosità verso gli altri dovuta più ad un senso di oculatezza e attenzione agli sprechi che di egoismo puro. Non è un tipo che ama sperperare e regalare i suoi soldi che, in genere, ha fatto con molto e sudato lavoro.

LEONE

Questo asse rivela una combinazione molto aperta e disponibile. Il soggetto che la possiede, elargisce con facilità, con superficialità a volte. Sembra sempre che viva molto al di sopra delle sue reali possibilità. Non sopporta la povertà e, anche se si trova limitato nelle sue possibilità, cerca sempre di non farci caso e di superare tutto ricorrendo a stratagemmi particolari come le spese nei mercatini adocchiando oggetti originali. In genere però ha fortuna e il soldi non gli mancano.

ACQUARIO

In questa combinazione, il soggetto vive il lato materiale con estrema disinvoltura.. Ha cura del denaro solo per vivere, non ne fa un dramma se gli manca né se ne ha in surplus.   Ama comunque vivere alla grande, non tiene i conti, non si preoccupa di controllare il conto in banca perché ha una mente aperta e pronta al diversivo quando qualcosa non torna….   Sa economizzare senza far drammi. L’asse II-VIII uraniano, rende a volte irresponsabili e veloci nelle spese.

VERGINE

Questo asse è legato al mentale e come tale risente di una certa rigidità interiore tale da creare delle vere e proprie barriere al lento fluire del denaro. Il nativo trattiene, non ama spargere il suo guadagno al vento, senza uno scopo ben preciso. Di base c’è una forte paura per il futuro oltre ad un pessimismo che si potrebbe definire, alla Leopardi, cosmico ….. Spende poco per vestirsi, si accontenta, ma non dona con facilità. Sa però valutare bene le situazioni per cui, all’occorrenza, sa essere disponibile.

PESCI

Il segno vive la sua natura eclettica nettuniana e risente del segno opposto della Vergine nella gestione dei soldi. A volte piuttosto confusionario ed indeciso, il nativo non ha la capacità di vedere chiaramente nel suo futuro e lo teme in maniera ansiosa. Per questo, non si lascia andare ad elargizioni economiche se non costretto da richieste pressanti. E’ però teso a monitorare costantemente la sua situazione, ma a forza di controllare il particolare a volte perde di vista il globale !

 

 

 

 

You have no rights to post comments